AGGIORNAMENTI SU CORSI TFA – NOVITA’ SU INIDONEI- CONTINGENTI ASSUNZIONI

Il Modulo base in preparazione per TFA  3° gruppo (Corso C) sarà attivato entro settembre , su questo sito troverete le informazioni al momento opportuno ,  anche il terzo gruppo è riservato ai docenti di scuola sec. I e II grado.

Il secondo modulo (disciplinare) riservato a coloro che hanno gia’ frequentato il primo modulo ( corsi A e B ) nel mese di luglio, verra’ programmato, come gia’ anticipato, entro il mese di settembre.

RITIRO MATERIALI TFA

Coloro che hanno frequentato il corso A possono ritirare presso la sede di Firenze il CD.

Coloro che hanno frequentato il corso B possono ritirare il libro ed il CD sempre presso la sede di Firenze.


Per l’eventuale attivazione di moduli base per la scuola dell’ Infanzia e Primaria si attendono disposizioni da parte delle Universita’ competenti.

_ _ _ _ _

ASSUNZIONI IN RUOLO

Si comunica che  sono stati resi noti i contingenti provinciali di personale docente ed ata che saranno assunti a partire dal 1 settembre-

Non sono ancora state pubblicate sul sito dell’ USP di Firenze le sedi disponibili  e le date  in cui si svolgeranno le operazioni di nomina.

vai alla tab. docenti

vai alla tab. ATA

Dichiarazione del Segretario CISL Scuola F. Scrima su assunzioni

“Siamo davvero soddisfatti, perchè il piano triennale prende avvio esattamente come avevamo stabilito nelle intese raggiunte col Governo: è oggi chiaro a tutti che quando indicavamo in circa 65.000 le possibili assunzioni parlavamo a ragion veduta.E’ importante che il piano preveda, oltre alle assunzioni del primo anno, la copertura piena del turn over anche per i due anni successivi, in modo che a fine triennio sarà possibile arrivare a circa 120.000 assunzioni. Pur dovendo attendere le elaborazioni tuttora in corso da parte del MIUR, i criteri che ci sono stati illustrati ieri ci sembrano tener conto della necessità di garantire un’equilibrata distribuzione delle assunzioni, evitando di penalizzare eccessivamente realtà già segnate pesantemente dai tagli. A tutti i territori è data comunque la possibilità di coprire nella stessa percentuale le vacanze di organico esistenti. E’ chiaro che le assunzioni non risolvono tutti i problemi della scuola, che abbiamo ben presenti e che continueremo a rappresentare con determinazione; è però davvero impossibile non cogliere la straordinarietà di un risultato che nasce dalla capacità del sindacato di rivendicare, confrontarsi e fare accordi. E’ così che si danno davvero risposte ai problemi della gente.

Roma, 5 agosto 2011″

SUI DOCENTI INIDONEI NIENTE DIKTAT !

Abbiamo già dichiarato la nostra contrarietà a tutta l’operazione e suggeriamo al personale interessato, alla luce dello spostamento della presentazione delle domande (volontarie) al 14 settembre, di sospendere al momento la presentazione di qualsiasi istanza, in attesa che si apra il tavolo di confronto già richiesto.

Con tempestività degna di miglior causa il MIUR ha emanato oggi, 10 agosto,  la CM Prot.AOODGPER6626 con la quale detta disposizioni per la presentazione delle istanze di inquadramento nei ruoli del personale a.t.a (profilo di assistente amministrativo o tecnico) da parte dei docenti dichiarati inidonei per motivi di salute.
Anticipando considerevolmente i tempi che erano stati ipotizzati nel corso dell’incontro con i sindacati del 3 agosto scorso, la scadenza per le domande è fissata al 14 settembre. Le stesse potranno essere prodotte a partire dal 14 agosto in modalità cartacea, mentre solo dal 1° settembre dovrebbe essere data la possibilità di un invio con modalità web.

Nella domanda, da compilarsi su apposito modulo, l’interessato deve dichiarare il profilo in cui chiede di essere inquadrato sulla base dei titoli posseduti, indicando ai fini della scelta della sede fino a un massimo di due province. Per l’a.s. 2011/12 il personale sarà assegnato ad una sede provvisoria, passando a quella definitiva nell’anno successivo.

Poiché nel citato incontro del 3 agosto avevamo manifestato tutte le ragioni del nostro dissenso su un’operazione che determina per il personale interessato gravi ripercussioni di ordine economico e giuridico, non possiamo che ribadirle, insieme alla richiesta che sulle modalità di inquadramento e di gestione della mobilità si apra immediatamente un tavolo negoziale, trattandosi di materie da disciplinare contrattualmente.

E’ incredibile che al personale si chieda di produrre istanze “al buio”, addirittura senza poter esprimere alcuna preferenza per la sede di servizio se non quella, a dir poco generica, di una provincia. Ed è parimenti inconcepibile che la scelta debba essere fatta in condizioni che non consentono di valutare minimamente le diverse opportunità che la legge prevede attraverso le procedure di mobilità intercompartimentale.

Del tutto insufficiente, inoltre, la ventilata possibilità di vedere accolta in corso d’anno un’eventuale domanda di collocamento in pensione per chi ne avesse i requisiti: riteniamo infatti che ai docenti inidonei debba essere riconsegnata la facoltà di lasciare il servizio con diritto a pensione a prescindere dai requisiti posseduti, come sarebbe stato loro diritto al momento in cui ne veniva certificata l’inidoneità all’insegnamento.

Chiediamo pertanto che il MIUR torni sui propri passi, sospendendo ogni decisione in merito alla utilizzazione dei docenti inidonei, anche al fine di evitare l’insorgere di un prevedibile diffuso contenzioso, e apra immediatamente il confronto e il negoziato con i Sindacati .

LA SEGRETERIA NAZIONALE

 


This entry was posted in CISL, Dirigenti Scolastici, Personale ATA, Personale Docente, Personale Educativo, Precari. Bookmark the permalink.